Edgar lo sfruttatore

Continua la nostra collaborazione con Tomasz Kaye e dopo George ought to help siamo felici di potervi presentare il suo nuovo video Edgar the exploiter (Edgar lo sfruttatore) sottotitolato in italiano. Il nuovo video parla di un tema molto caro ai libertari: il salario minimo.

Al contrario di quanto possa sembrare le leggi sul salario minimo possono creare molti più danni di quanto si possa immaginare sul lungo termine e su alcuen categorie di lavoratori. Un processo che già Frederic Bastiat aveva compreso e spiegato bene nel 1850 con il suo Racconto della finestra rotta all’interno del suo saggio “Ciò che si vede e ciò che non si vede”  (è un peccato che veramente poco sia pubblicato di Bastiat in italiano; il saggio può essere letto online in inglese qui). Il titolo del saggio di Bastiat è più che azzeccato perché l’esempio del salario minimo è un classico della legge delle conseguenze non intenzionali. Il libro di Henry Hazlitt Economics in one lesson è un must per comprendere l’illusione in economia di “ciò che si vede e ciò che non si vede”.

Il video di Tomasz riesce a spiegare bene questo concetto con un chiaro esempio comprensibile a tutti. Soprattutto per chi è a digiuno di libertarismo il ragionamento del video può sembrare sconcertante, ma dopo aver avuto una comprensione più approfondita del problema e senza paraocchi la verità appare per quella che è: il salario minimo crea disoccupazione per certi lavori marginali, salari più bassi, costi più alti dei prodotti e delocalizzazione delle industrie. Buona visione!

3 comments for “Edgar lo sfruttatore

  1. Corrado
    gennaio 30, 2012 at 13:07

    non sono riuscito a vederlo sub-ita- solo sottotitolato in inglese…

  2. fabristol
    gennaio 30, 2012 at 13:26

    Vai sul simbolo Cc in basso a destra e poi seleziona italiano.;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *