Il male e l’attrazione per lo stato

ottobre 1, 2012 3 Comments
By

Di seguito un bellissimo testo di Stefan Molyneux liberamente tradotto in italiano e tratto dal podcast del suo Freedomain Radio e che parla della natura malvagia di alcuni uomini, della loro sete di potere, del perché lo stato è lo strumento che utilizzano e di quelle persone tanto ingenue che vivono in mezzo a noi e che mantengono questo strumento più forte che mai. Alla fine del testo vi renderete conto di chi veramente è l’idealista, l’ingenuo e di chi invece è con i piedi ben piantati per terra.

***

“C’è una cosa strana che la gente dice – “Be’ sai, una società libera può funzionare solamente se tutti sono perfetti, se tutti sono veramente buoni.” E questa gente pensa che noi siamo come degli agnellini con lo sguardo perso nei sogni, con gli occhi di rugiada e le bandiere arcobaleno- pascolando e masticando questo rigurgito di libertà… ma nel momento in cui un lupo arriva, AHHHH, è finita! Nel momento in cui qualche cattivo arriva è subito pronto a diventare il dittatore della società, e noi saremo giusto a fare beeee-bee-bee e a camminare verso i mattatoi.

E nulla di tutto ciò, in realtà, è più lontano dalla verità. L’idea di una società volontaria, o società senza stato, o società anarchica non è idealista. Quello che è idealista è una società statale – che è ingenua e pericolosa… perché una società statale porta con se l’assunto che si possa creare questa incredibile gerarchia, questa piramide intrisa di sangue- un potere gerarchico istituzionalizzato- con il potere di stampare moneta quando si voglia, il potere di fare le guerre, incarcerare e creare leggi, di comprare i propri amici e punire i propri nemici… e NESSUN uomo malvagio non sarà mai interessato a comandare su questo sistema. Mai! Avremo solo dei bravissimi uomini al potere, e tutti i cattivi saranno confinati da una parte, non diventeranno mai parlamentari o presidenti o primi ministri o altro.

E’ lo statalista quello ingenuo riguardo alla natura umana e al potenziale per il male. L’anarchico, il volontarista riconosce che la natura umana è corrotta dal potere – e che creare una cosa monolitica chiamata “lo stato”, con tutti i poteri che ha non può fare altro che attrarre come mosche sulla merda, le persone più malvagie al top della struttura a piramide. E così, non possiamo avere uno stato perché la natura umana è prona ad ottenere qualcosa senza dare niente in cambio, perché “il desiderio per ciò che è immeritato è la radice di tutti i mali.” E così noi sappiamo che non puoi creare questo mostro di macchina chiamato “lo stato” e non finire con i cattivi al potere che lo guidano. La possibilità della malvagità umana è esattamente il motivo per cui non possiamo avere uno stato.”

 

Tags: , , , , , ,

3 Comments » 3 Responses to Il male e l’attrazione per lo stato

  1. Kirbmarc on ottobre 20, 2012 at 23:05

    Molyneux ci mette più pathos di quanto avrei fatto io, ma il suo argomento è uno dei motivi che mi hanno avvicinato alle teorie libertarie.

    PS: Fabristol, scusa se non ho risposto alle mail o collaborato negli ultimi mesi. Ho avuto dei problemi personali che mi hanno tenuto occupato per molto tempo. E’ troppo tardi per tornare a bordo? ;)

  2. Fabristol on ottobre 20, 2012 at 23:24

    Per Kirbmarc

    ti scrivo una e-mail personale appena posso.
    Non è mai troppo tardi. :)

  3. Luca on ottobre 21, 2012 at 09:29

    olè :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.