La pressione fiscale in Italia in un grafico

novembre 22, 2012 6 Comments
By

Ormai è da sfatare il mito che i paesi scandinavi siano “socialdemocrazie” con tassazioni altissime “ma con servizi pubblici da favola”. Non solo hanno servizi pubblici da favola ma hanno tassazioni medie rispetto ai veri paesi socialisti come l’Italia. Imbattibile ormai il Bel Paese ha come modello la Corea del Nord. Notare come neppure in Grecia si raggiunga la pressione fiscale che dobbiamo subire qui. Chissà perché c’è tanta evasione in Italia?

Fonte qui.

Tags: ,

6 Comments » 6 Responses to La pressione fiscale in Italia in un grafico

  1. Boston Tea Party on novembre 22, 2012 at 18:28

    Mi spiegate a cosa corrispondo i colori , cioe´ cosa sono
    la profit tax e other taxes , quella centrale imagino sia
    l IRPEF da lavoro dipendente.

  2. Kirbmarc on novembre 22, 2012 at 18:50

    Le labour taxes sono le imposte sul reddito da lavoro (autonomo o dipendente). Le “profit taxes” sono le tasse sugli investimenti e gli scambi di denaro. Le “other taxes” sono tutto il resto: accise sulla benzina, sulle sigarette, imposte locali, ICI o simili, etc.

  3. Boston Tea Party on novembre 22, 2012 at 19:08

    Ah , grazie , ma a me non torna molto : a Malta
    le tasse sugli investimenti si pagano con una ritenuta del
    15% , non il 29 come e´ scritto nel grafico.
    In Germania e´il 25% e non il 19 e anche se per Malta
    la ritenuta del 15 vale per le obbligazioni , ma i dividendi vanno nella denuncia dei redditi che fa salire la media , per la Germania e´ 25% secco. Allora come si deve interpretare il grafico?
    In Svizzera la ritenuta sugli investimenti e´il 35%.

  4. astrolabio on novembre 23, 2012 at 12:49

    a me non convince il dato dell’estonia

  5. m on febbraio 2, 2013 at 12:28

    evidente lo spirito di parte e se posso dire non veritiero dell’articolo. Detto questo da noi se pagassero le tasse gli evasori fiscali certamente la pressione scenderebbe e non di poco.
    E non si dica che si evade per necessità… allora anche chi va a rubare a volte lo fa per necessità e allora? lo lasciamo fare o creiamo una società più giusta, onesta e leale senza clientelismi e corruzione?

  6. astrolabio on febbraio 3, 2013 at 09:29

    la pressione fiscale è calcolata tenendo in considerazione anche il pil sommerso, quindi per favore informiamoci prima di dire cazzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.