Sotto il portico libertario

gennaio 21, 2013 3 Comments
By

stoa-attalouPer molti l’estrema varietà di idee e di forme sotto quel termine ombrello che comunemente usiamo, libertarismo, è motivo di insofferenza. Siamo divisi, bisticciamo sulle cose più ridicole (soprattutto sulla terminologia), alcuni sono realisti, altri idealisti. C’è di tutto in questa famiglia: anarcocapitalisti o come in questo sito preferiamo chiamarci free market anarchist (ecco questa è una prova di quello che dicevamo qui sopra!), minarchici, paleolibertari, cosmotari, panarchici, oggettivisti, geolibertari, left-libertarian, anarchici individualisti, cyber libertari, biolibertari, transhuman-libertarian, seasteaders ecc.

In America sono così avanti che addirittura esistono correnti che si separano per il metodo di approccio (non tanto per i contenuti) come gli Skeptical Libertarian rispetto ad alcuni libertari complottisti, ultrareligiosi ecc.

Dentro il libertarismo c’è un mondo a se stante, in pratica è come se i libertari, provenienti da varie esperienze culturali, avessero portato una fetta di mondo (quello che sta fuori) dentro la comunità. Se domani il mondo dovesse crollare e solo i libertari dovessero sopravvivere potrebbero ricreare tutte le fazioni e le culture attuali senza problemi. Se una colonia di libertari dovesse fondare una civiltà su Marte avrebbe di tutto: sinistra, destra, religiosi, laici, cristiani, buddisti, ambientalisti, chi più ne ha più ne metta.

In realtà ci sono più cose che ci accomunano di quelle che ci separano. Il principio di non aggressione ovviamente è tra questi e lasciando il campo della filosofia e della morale abbiamo un nemico comune: lo Stato in tutte le sue forme.

Dicevo, molti vedono questo come un difetto, io invece lo vedo come una benedizione. Per me la varietà è ricchezza e non dovremmo mai cercare di racchiudere il pensiero libertario dentro un unico contenitore. Siamo confederali per natura e la confederazione dovrebbe essere la nostra massima aspirazione. Tutto questo fiorire di scuole e correnti mi ricorda un po’ l’Atene classica dove c’erano varie scuole di filosofia in dialogo tra loro o spesso in competizione. Gli adepti di queste scuole spesso si riunivano in luoghi pubblici o privati come il portico degli stoici. Questi luoghi oggi sono stati rimpiazzati dai blog e dai siti su internet. Non mi viene in mente nessun altro periodo storico recente in cui ci sia stata tanta varietà di vedute all’interno di un’unica comunità filosofica a parte forse nel secolo scorso all’alba della Rivoluzione d’Ottobre con le varie correnti marxiste (o se ne avete in mente altre fatemelo sapere).

Tags: , , , , , , ,

3 Comments » 3 Responses to Sotto il portico libertario

  1. Violator on gennaio 21, 2013 at 11:37

    Grande Fabristol, parole e ragionamento che condivido in pieno. Viva le diversità che, anche quando sfociano in polemiche, ci arricchiscono sempre!
    Non mi viene in mente altra corrente o pensiero così ricco e così consapevole dei suoi due comuni denominatori..

  2. Fabristol on gennaio 22, 2013 at 18:37

    Grazie Violator! 😉

  3. guido cacciari on gennaio 24, 2013 at 09:24

    Vi consiglio questo sito.
    http://www.libertarianism.org/introduction

    ma soprattutto la lettura di alcuni dei teorici ivi citati: J.Locke, A.Smith e soprattutto F.Hayek, che delle diverse teorie originate dal giusnaturalismo ha fatto una ricostruzione ed un sunto (il saggio “liberalismo”, forse recentemente ristampato in Italia).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.