Rest in peace Bradley

agosto 1, 2013 4 Comments
By

“Quale categoria di crimini lo Stato perseguita e punisce con più forza, quelli contro i privati cittadini o quelli contro se stesso?”

Murray Rothbard

tumblr_mqrgrbszdQ1qcybxzo1_500Il 12 Luglio del 2007 i proiettili di un cannone da 30 mm montato su un Apache americano dilaniarono i corpi di 12 civili scambiati per terroristi in un sobborgo di Baghdad. Tra loro due fotografi dell’agenzia Reuters, Saeed Chmagh e Namir Noor-Eldeen. Secondo l’esercito americano ci fu una battaglia tra terroristi e forze americane. La Reuters e i familiari delle vittime chiesero di aprire un’inchiesta ma gli Stati Uniti segretarono i video e le comunicazioni di quel giorno. Fino a quando un soldato americano entra in possesso di migliaia di documenti tra cui un video compromettente di quel giorno. Quel giorno miliardi di persone attraverso Wikileaks vedono con i loro occhi le menzogne che furono costruite per nascondere la verità. Quel giorno incomincia un lungo processo che è durato anni, con investigazioni, arringhe della difesa e un turbinio dell’opinione pubblica che ha scosso milioni di coscienze. La Giustizia, con la g maiuscola, deve fare il suo corso si dice. Eppure dietro la barra degli imputati non ci sono i piloti che fecero quella strage di innocenti ma chi la ha rivelata al mondo. Bradley Manning dopo anni di isolamento, torture fisiche e psicologiche compare davanti al giudice con accuse di spionaggio e di aver aiutato il nemico. 136 anni per aver dato la verità al mondo, 136 anni per essere andati contrREUTERS-IRAQ/DEATHSo gli Stati Uniti, una delle pene più severe mai date ad un uomo negli ultimi 50 anni. Pene così non si sono viste neppure per stragisti, terroristi o dittatori come il pluriomicida Obama, a cui viene dato uno stipendio per uccidere civili in tutto il mondo. Per quanto riguarda i piloti e chi ha ordinato di aprire il fuoco, nulla, assolutamente nulla. Un buffetto sul viso e chissà, magari una medaglia d’onore in futuro.

The son of Saeed Chmagh, an Iraqi driverPer quanto mi riguarda Bradley Manning è come se fosse stato messo a morte, fucilato in una pubblica piazza, bruciato come un eretico. Cosa sono 136 anni di prigione se non una condanna a morte? Cosa è questa se non una punizione esemplare per i futuri whistleblowers? O per quelli che sono ancora in fuga come Snowden? Cosa è tutta questa messa in scena da Inquisizione medievale se non una prova del mostruoso, immenso potere di un governo che può mettere a morte civili senza pagarne le conseguenze, imprigionare e torturare chi gli va contro e additare chiunque non gli aggradi come terrorista o barbaro?

Guardate Saeed e Namir, guardate la disperazione del figlio di Saeed che tiene al petto la foto del padre, guardate Brian che ha dato la sua vita perché la sua coscienza non poteva più resistere un minuto di più senza condividere quello che aveva visto. E guardate il Premio Nobel per la Pace Barack Obama. Guardateli e ditemi chi è il vero criminale. Ditemi dov’è la giustizia.

***

“The mark of international distinction and service to humanity is no longer the Nobel Peace Prize, but an espionage indictment from the US Department of Justice.”

Julian Assange

Tags: , , , ,

4 Comments » 4 Responses to Rest in peace Bradley

  1. Kirbmarc on agosto 1, 2013 at 07:36

    Siamo ormai ai livelli della Russia sovietica. Ma all’americano medio non importa. Basta riempirsi la bocca con parole come “traditore” o “terrorista” e il pubblico ti applaude mentre silenzi chi rivela i tuoi crimini. Se poi sei Obama neppure i “contestatori” alzeranno la voce.

  2. Fabristol on agosto 1, 2013 at 19:31

    A proposito di Russia: oggi la Russia ha dato asilo politico a Snowden. Le parti si sono evidentemente invertite.

  3. Kirbmarc on agosto 2, 2013 at 18:07

    La Russia che ospita un americano che ha rivelato crimini di guerra del suo paese e rischia il carcere a vita. Dieci anni fa sarebbe sembrata una barzelletta.

  4. astrolabio on agosto 5, 2013 at 11:31

    però scusate ma da quello che so la sentenza di condanna ancora non è definita, i 136 anni sono gli anni teorici che possono comminargli per i reati di cui è ritenuto colpevole. O mi sbaglio io?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.