Non usate TOR. Per la NSA è come un faro nella notte

ottobre 14, 2013 5 Comments
By

tor_browser_logo__no_trans_background__by_j_bob-d5gjsadLo sospettavamo da tempo ma ora abbiamo la conferma grazie a Snowden: la famigerata NSA concentra la maggior parte delle sue forze sugli utenti TOR. E lo fa con metodi da cyberterrorismo.

Cosa è TOR. TOR è un software è sta per The Onion Router, e il nome dice tutto. Esattamente come una cipolla permette ad un network di volontari di utilizzare innumerevoli “strati” per nascondere identità, IP di origine e in una parola permettere l’anonimato su internet. TOR viene usata tra l’altro da molti attivisti politici in giro per il mondo per evitare di essere spiati dai propri governi. E ovviamente da tutti quelli che non vogliono essere spiati mentre navigano su internet, criminali/terroristi e non.

Cyberterrorismo governativo. Ma come può la NSA individuare chi usa TOR se questo è stato fatto proprio per permettere ai suoi utilizzatori di non essere individuati? Quello che fa la NSA è scannerizzare il web e cercare le fingerprint (impronte digitali) di chi usa TOR ma ovviamente non può capire chi ci sia dietro la tastiera. E, a quanto pare non gliene importa granché perché la sua missione è semplicemente danneggiare chi usa TOR, indistintamente.

Nonostante ci siano decine di migliaia di onesti cittadini che usano TOR tutti i giorni e centinaia di attivisti in tutto il mondo che lo usano per non essere spiati dai propri governi tirannici, la NSA colpisce chiunque indistintamente. Esatto, avete capito bene: il governo americano utilizza tecniche da hacker per infettare chiunque usi TOR. Come? Attraverso una falla nel TOR bundle di Firefox. L’utente viene ridiretto verso un server chiamato Quantum che si trova a monte della connessione, grazie alla collaborazione delle compagnie telefoniche americane. Una volta fatto questo il PC viene infettato per danneggiare la connessione TOR.

Metodi cinesi. Questi tipi di attacchi indiretti sono utilizzati in maniera massiccia dal governo cinese per bloccare i propri utenti all’interno dei propri confini, ma gli USA oltre ad avere la faccia tosta di condannare la Cina per la negazione dei diritti umani, tra cui la libera informazione, spiano e danneggiano utenti internet in tutto il globo. Sarà un caso che i BRIC, ovvero i più grandi paesi emergenti, stiano pensando di creare una nuova connessione sottomarina che bypassi gli USA? La NSA rappresenta un pericolo per l’intero sistema World Wide Web e utilizza metodi da hacker che a casa loro porterebbero i semplici cittadini in galera.

Che fare allora? Purtroppo non si può fare nulla se non evitare di usare TOR, un vero e proprio faro nella notte per la NSA, e  limitare al più possibile di dare informazioni personali attraverso le compagnie americane come Google, Facebook, Twitter che passano tutti i dati al governo americano. E con questo post la NSA ha già messo gli occhi su libertariaNation. Salutate con me l’omino in una buia stanza di Washington che ci sta spiando.

 

5 Comments » 5 Responses to Non usate TOR. Per la NSA è come un faro nella notte

  1. Davide on ottobre 14, 2013 at 18:17

    Basta semplicemente installare l’ultima versione del bundle Tor e scaricarla direttamente da https://www.torproject.org/download/download-easy.html.en#warning

  2. Fabristol on ottobre 14, 2013 at 23:28

    non credo che questo cambi qualcosa. la nsa troverà altre falle.

  3. Fabristol on aprile 22, 2014 at 19:11

    Grazie Carlo per il link. Buono a sapersi!

  4. papi on luglio 14, 2014 at 13:22

    Io utilizzo Tor soltanto da access point free con un pc dedicato esclusivamente a questo scopo
    PS
    l’indirizzo email idicato sopra non e’ mai stato utilizzato col pc in quesione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.