Roma DEVE fallire

febbraio 28, 2014 2 Comments
By

No, non si tratta di uno slogan leghista contro Roma ladrona. Si tratta semplicemente della constatazione che l’unica soluzione per risolvere il rischio default del Comune di Roma sia quello di prendersi ognuno le proprie responsabilità. Far fallire Roma per salvarla. La cura sta nella malattia. Far capire che il risanamento dei conti passa proprio per la bancarotta. Bancarotta significa tagli, cambio di comportamenti ai vertici, meno parassitismo ecc. Se il governo centrale dovesse cedere alle proteste della Capitale sarebbe come aver messo un bollino di approvazione su tutte le nefandezze, le porcherie, il magna magna generale di una delle capitali più indegne del mondo. Tutti si sono nutriti a sbaffo dal comune per decenni e potremmo continuare “e ora ne paghino le conseguenze”. Ma in democazia non funziona così. Le responsabilità non esistono a causa del continuo cambio ai vertici del potere e i soldi che sono stati rubati non verranno mai più restituiti. Ma sarebbe sbagliato far pesare un comportamento così incivile da parte della classe politica (e non solo) romana su tutti gli altri. E darebbe il chiaro segno a tutti che è possibile sforare coi debiti pubblici perché tanto prima o poi qualcun altro pagherà.

Roma è l’Italia in piccolo e se Renzi vuole cambiare rotta potrebbe incominciare proprio dalla capitale. E se non è in grado di salvare Roma figuriamoci il resto del paese. Lo Stato sono loro.

2 Comments » 2 Responses to Roma DEVE fallire

  1. William on febbraio 28, 2014 at 12:19

    I concur wholeheartedly.

    Comunque vedrai che Renzi “will crash and burn”!!

    Scusate a volte non trovo termini italiani che descrivono adeguatamente quello che penso.

  2. cesare on marzo 1, 2014 at 10:07

    E’ comunque chiarissimo e approvo totalmente sia l’articolo che il commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.