L’Idra Silk Road: come tagliare la testa a Ross abbia creato una moltitudine di Silk Road

giugno 22, 2015 1 Comment
By

20150606_woc452Il grafico che vedete qui sopra è tratto dall’Economist (http://www.telegraph.co.uk/comment/11688994/The-Pope-joins-the-EU-in-a-sad-world-of-make-believe.html) e mostra come il mercato delle droghe su siti online non sia cambiato così tanto da quando Silk Road è stato chiuso e il suo creatore incarcerato a vita. Anzi pare che il numero di annunci su siti online sia tornato ai livelli di prima e il trend pare che stia salendo a livelli più alti del 2014 (anno in cui Silk Road fu chiuso). Il grafico ci dice anche altre cose:

1) la condanna a morte in cella di Ross Ulbricht (l’ergastolo è una condanna a morte) non è servita a nulla come deterrente per fermare altri Ross Ulbricht dal creare nuovi siti per il commercio online di sostanze stupdefacenti. La pena di morte infatti non funziona come deterrente nelle società umane, altrimenti i crimini puniti con questa pratica barbara sarebbero in diminuzione. In realtà è proprio l’esatto contrario come ci dicono i numeri sulla pena capitale nel mondo.

2) il mercato delle droghe, come tutti i mercati, è dettato da domanda e offerta. Distruggere l’offerta non distrugge automaticamente la domanda. Al contrario il giudice nelle parole di condanna ha proprio detto che Silk road creava offerta e questa di conseguenza aumentava la domanda. In pratica Ross era responsabile della morte delle persone uccise da overdose perché le vittime non avrebbero mai fatto uso di droghe se non fosse stato per Silk Road. Un bel corso di economia non le avrebbe fatto male.

3) la distruzione di un monopolio/oligopolio crea spazio per una moltitudine di piccole realtà che proliferano e abbassano costi e aumentano servizi. Di nuovo il giudice non ha fatto i compiti a casa e non si è resa conto che tagliando la testa dell’Idra di Silk Road non ha fatto altro che moltiplicare le teste all’infinito. Paradossalmente la decisione del giudice ha creato le condizioni ideali per un florido mercato impossibile da fermare. Se infatti infiltrare gli agenti del FBI dentro Silk Road fu facile ora fare lo stesso con decine di siti sarà impossibile.

Tags: ,

1 Comment » One Response to L’Idra Silk Road: come tagliare la testa a Ross abbia creato una moltitudine di Silk Road

  1. Kirbmarc on giugno 23, 2015 at 11:35

    In pratica le solite conseguenze del social engineering statale.

    Nel frattempo i grandi signori della droga si approfittano dell’illegalità per creare profitti record e fondare i loro imperi, poveri cristi che spacciano giusto per sopravvivere vengono schiaffati in galera per anni, e il famoso “tessuto sociale” tanto caro (a parole) agli statisti viene devastato dalle incarcerazioni facili della “War on Drugs” che privano interi quartieri e città di lavoratori e padri di famiglia per anni e impediscono ai pesci piccoli di rifarsi una vita anche quando escono di galera.

    E la povertà creata artificialmente per “proteggere i cittadini” li ammazza e li fa vivere come animali.

    Ma le droghe sono DIABOLICHE e le morti per overdose sono tutta colpa di chi vende droghe, mentre la gente che muore per avere mangiato troppi cibi grassi, per bere troppo o fumare troppo viene giustamente considerata responsabile dei suoi problemi.

    Lo stato ci vuole tutti bravi agnellini ubbidienti protetti dal lupo cattivo perchè siamo troppo innocenti per decidere per nostro conto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.