Blog Archives

Libertari nella terra dei Variaghi

luglio 24, 2014
By
verakichanova-129926639

I’ve met hundreds of libertarians from all over the world lately and I’ve noticed one common mistake most of them make. Most libertarians by default consider their OWN government as the biggest evil in the world. Well, it’s more than ok to detest your government until you start spreading conspiracy theories to prove that they are responsible for all the evil in the world. Even people like Ron Paul fall into this trap. Some governments are more evil than...

Read more »

4 Comments

Vaccini libertari

giugno 25, 2014
By
batterio_74081455547794

Avevo iniziato a scrivere le righe che leggerete come commento al post di Fabristol sui vaccini e sul libertarismo. Dopo le prime righe, però, mi sono reso conto del fatto che la mia risposta era troppo lunga per poter essere contenuta nel margine troppo stretto d’un foglio. Permettetemi anzitutto di linkare questo chiarissimo video di Penn and Teller, due autori satirici libertarian, che spiega in modo icastico perché vaccinarsi è bene. Una volta detto questo, un libertario potrebbe dire...

Read more »

9 Comments

Contrabbandieri di ovetti di cioccolato

giugno 16, 2014
By
ovetto-kinder1-1048356079

A volte la realtà supera la fantasia. Uno si aspetta che ci sia un limite di buon senso alle sciocchezze che si possono commettere in nome e per conto dello stato. Soprattutto, ci si aspetta che i funzionari statali, se anche un politico, in preda alla follia, volesse promulgare una legge ridicola, cerchino di dissuadere quest’ultimo. Ma no, la verità è diversa. In USA, negli Stati Uniti, land of the free, è vietato importare ovetti di cioccolato di una...

Read more »

3 Comments

Il nostro più grande avversario

giugno 2, 2014
By
dd87b7e84c989d043e2cf242899a8bc3-1089201257

La stragrande maggioranza di voi non ha mai sentito nemmeno il suo nome. Ma se frequentate questo blog, se siete libertari, lui, le sue idee, i suoi progetti, sono la più grande minaccia che si possa immaginare per il libertarismo. Chi è questo signore dalla folta barba? E perché sarebbe l’arcinemico del libertarismo, dell’anarcocapitalismo, dell’individualismo? Aleksandr Gel’evič Dugin. Questo è il suo nome. Nato nel 1962, di nazionalità russa, Dugin è il padre fondatore e ideologo del partito nazionalbolscevico...

Read more »

9 Comments

Dialogo schietto tra un socialista sincero e un libertario sincero

ottobre 30, 2013
By
Dialogo schietto tra un socialista sincero e un libertario sincero

Giuseppe ed io condividiamo parecchie cose, a partire dal cognome e dal paese d’origine. Ce n’è una, però, che ci divide: la prospettiva con cui guardiamo il mondo. Lui è un marxista convinto e sincero. Altrettanto sinceramente io sono anarcocapitalista (si, è vero, quando sono un po’ triste e depresso divento minarchico, ma nei momenti migliori sono anarcocapitalista). Trovo affascinante la discussione con lui. Il nostro ultimo scambio di opinioni è stato scatenato da una frase che Giuseppe ha...

Read more »

25 Comments

Caso Stamina: una prospettiva libertarian

ottobre 8, 2013
By

“It is not from the benevolence of the butcher, the brewer, or the baker that we expect our dinner, but from their regard to their own interest.” Adam Smith Negli ultimi mesi l’opinione pubblica italiana si è fatta trascinare nell’ennesima polemica di piazza su un tema medico-scientifico. Non sono bastati i casi del siero Bonifacio e il Di Bella per insegnare alla maggioranza degli italiani che non si può credere ai miraggi offerti da santoni e venditori d’olio di...

Read more »

2 Comments

De Profundis

settembre 3, 2013
By

Guardate con attenzione questo video, e ascoltate le voci di queste persone.
Il “problema Italia” è completamente descritto e rappresentato in questo video.
Da un lato c’è un uomo, un lavoratore, che ara e semina il suo campo, che combatte le sue battaglie in tribunale ( e le vince), che produce e crea, che usa gli strumenti che la tecnologia e la scienza gli offre.
Da un lato, cioè, abbiamo la civiltà.
Dall’altro ci sono dei facinorosi delinquenti che vogliono imporre con la violenza il loro rozzo, disinformato, antiscientifico e retrogrado punto di vista; persone che non hanno la più pallida idea di cosa sia il lavoro ( ma probabilmente credono di aver capito tutto di ciò che ha scritto un filosofo tedesco vissuto più di un secolo e mezzo fa in proposito – e si sbagliano anche in questo) e che non rispettano il frutto di quello altrui.
In un termine, la barbarie.
Ciò che è importante, però, qui, è ciò che manca.
Manca l’intervento di quell’ente che si arroga, a quanto pare solo a parole, il diritto di monopolizzare l’uso della forza.
Manca quell’ente che trae la sua prima e più profonda legittimazione, per alcuni, dal compito assegnatogli di difendere le persone e le cose da aggressioni arbitrarie.
Manca quell’ente che, con la giustificazione che gli sarebbe necessario per assolvere anche a questo compito, chiede a quell’uomo che viene aggredito in questo video di corrispondergli annualmente una somma consistente di denaro, sotto forma di tasse, imposte e balzelli.
Ecco, l’Italia è questo. De profundis per l’Italia.

Il passato che non vuol passare

luglio 1, 2013
By
quarto~1

Fabristol ha, poco tempo fa, postato un’interessante, e per parte mia, condivisibile riflessione sulla pratica dello sciopero, citando in calce una citazione del mai troppo lodato Bruno Leoni. Questa riflessione, in modo assolutamente prevedibile, ha suscitato l’indignazione di un lettore del blog, Antonello, che appartiene a un orizzonte culturale profondamente diverso da quello libertarian. Vorrei intervenire per cercare di comprendere quale sia la causa di una così profonda differenza tra le due visioni. Partiamo da ciò che dice Antonello,...

Read more »

15 Comments

Dell’umana gente le magnifiche sorti e progressive (3)

maggio 7, 2013
By

Nel post precedente, in questa breve serie di riflessioni sulla crescita economica, si è accennato all’incremento di possibilità e di opportunità di fruizione della ricchezza che il progresso economico comporta. Questo aspetto resta spesso sottotraccia nelle discussioni su questo argomento poiché il ritmo con cui le innovazioni tecnologiche si susseguono, sebbene vertiginosamente accelerato rispetto al passato, è pur sempre abbastanza lento da far sì che non sia immediata la percezione dei cambiamenti indotti da esse nella nostra vita quotidiana....

Read more »

Dell’umana gente le magnifiche sorti e progressive (2)

maggio 3, 2013
By

Proseguo, in questo secondo post, la mia dilettantistica analisi dei complessi fenomeni che vengono evocati quando si parla genericamente di “crescita”. Una delle critiche che vengono mosse per ventilare l’ipotesi che, al di là delle apparenze, la crescita economica non sia un fenomeno complessivamente positivo è che la crescita del PIL mascheri una grave sperequazione nella distribuzione dei redditi, e che le condizioni complessive degli strati più bassi della popolazione siano peggiorati rispetto a una condizione di crescita minore,...

Read more »

Dell’umana gente le magnifiche sorti e progressive.

maggio 2, 2013
By

Quando si discute di crescita, o decrescita, economica mi sembra che molto spesso si diano ampiamente per scontati i presupposti della discussione. Si da per acquisito che si sappia dare il corretto significato all’idea di crescita e che se ne percepiscano tutte le implicazioni, sia positive che negative. Eppure non sono molto convinto del fatto che la maggior parte delle persone che sono affascinate dal decrescitismo abbia una percezione completa di tutto ciò che è collegato al fenomeno della...

Read more »

1 Comment

Chi ha paura della crescita economica?

aprile 23, 2013
By
decrescita

La denuncia del vuoto e futile materialismo unisce e accomuna mistici asceti e preti di strada, annoiate aristocratiche e attiviste di sinistra, orgogliosi sostenitori del nazionalismo autarchico e corporativista, fanatici cultori di bislacche teorie esoteriche e tradizionalisti reazionari, così come ex-marxisti riconvertiti all’ambientalismo più radicale. Per quanto il benessere materiale non sia disprezzato per sé stesso, esplicitamente, da nessuno, è chiaro che la sua ricerca, l’affannarsi per raggiungerlo appare come volgare, basso, indegno. Produrre ricchezza e benessere ha degli...

Read more »

7 Comments

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.