Politica

Ho perso. Cambierò le regole per vincere!

marzo 20, 2013
By

Le famose votazioni del 3 Marzo in Svizzera, quelle diventate famose per aver fatto passare una nuova intromissione statale nelle società per azioni, hanno decretato anche l’affossamento dell’iniziativa popolare denominata “decreto federale sulla politica familiare“. Questo referendum mirava in pratica a dare mano libera al governo federale per supportare le donne a continuare a lavorare anche dopo essere diventate madri, ossia soldi per nuovi asili etc etc. Questa iniziativa non è passata per poco: ha avuto la maggioranza di...

Read more »

2 Comments

La Risoluzione 44 e l’indipendenza del Veneto

marzo 14, 2013
By

La Risoluzione 44 è stata votata con ampia maggioranza dal Consiglio Regionale Veneto il 28 Novembre 2012. È stata scritta e proposta dal partito Indipendenza Veneta (che non siede in Consiglio) e impegna il Presidente del Consiglio Regionale e il Presidente della Giunta Regionale  ad attivarsi per avviare urgentemente con tutte le Istituzioni dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite le relazioni istituzionali che garantiscano l’indizione della consultazione referendaria (…) al fine di accertare la volontà del Popolo Veneto in ordine...

Read more »

20 Comments

Senza governanti, per poco

marzo 11, 2013
By

In rete girano vari memi che ricordano come in questi giorni in Italia manchino all’appello il governo, il papa, il capo della polizia e il presidente della repubblica (li metto tutti minuscoli perché fa molto punk come nell’immagine affianco). In realtà il vecchio governo c’è ancora -almeno fino a quando il nuovo non viene nominato dal presidente della repubblica -, il papa è volato in elicottero e lo stesso presidente della repubblica rimarrà al potere fino a metà Aprile...

Read more »

27 Comments

Il migliore scenario possibile

febbraio 27, 2013
By

Tra libertari si è un po’ scherzato nelle ultime ore sul fatto che queste elezioni sono state le più favorevoli al nostro obiettivo, ovvero meno Stato. Certo c’è molta ironia nella cosa -e forse si dovrebbe piangere non ridere- ma fose c’è del vero. Infatti basterebbe analizzare cosa sarebbe successo con altri scenari: 1) Scenario giaguaro smacchiato: Il PD prende la maggioranza netta in ambedue le camere con supporto di Monti. Questo governo sarebbe stata una replica del governo...

Read more »

41 Comments

Un 2013 ricco di sorprese

febbraio 25, 2013
By

Qualsiasi formazione vincerà alle elezioni, qualsiasi Primo Ministro salirà al governo, qualsiasi governo avrà l’autorizzazione dalle elezioni per comandarci, per noi libertari sarà comunque una sconfitta dell’individuo schiacciato dalla collettività. Come dice l’immagine qui affianco siamo già contro “la prossima guerra, il prossimo emendamento, la prossima tassa, il prossimo stimolo, la prossima violazione dei nostri diritti, il prossimo Primo Ministro” (adattato alle elezioni italiane). Ciò non toglie che non si profili un anno straordinario e interessantissimo per il dibattito...

Read more »

10 Comments

libertariaNation al voto (o non voto)

febbraio 19, 2013
By

Di seguito le intenzioni di voto (o di non voto) degli autori di libertariaNation, che, in quanto sito libertario, non è un monolite e quindi vanta diverse opinioni a riguardo. Luca Tutte le mie motivazioni personali riguardanti se votare, chi votare o se non votare vengono meno perché bloccate dalla prima considerazione, che quindi interrompe a monte il flusso di pensieri: non abito all’interno dello stato italiano e non ho intenzione di tornarvici. Non vedo quindi il motivo per...

Read more »

39 Comments

Contare nel mondo

febbraio 12, 2013
By

L’URSS era uno stato immenso. Era grandissimo, era la seconda potenza mondiale, decideva le sorti di almeno mezzo mondo e faceva il bello e il cattivo tempo su scala globale. Era un vero e proprio impero che per decenni ha influenzato direttamente e indirettamente il mondo intero. Insomma, l’URSS contava decisamente nel mondo, era una potenza! I cittadini dell’URSS vivevano quindi indubbiamente in uno stato che era una grande potenza mondiale. I cittadini dell’URSS erano felice di questa condizione? Erano...

Read more »

9 Comments

RAI e Mediaset a confronto sui costi

febbraio 11, 2013
By

Paolo Pascucci ha di recente pubblicato un post sulle differenze di costi e numero di personale tra le aziende RAI e Mediaset. La prima come sapete pubblica e la seconda privata. Il paragone come facile immaginare è impietoso. A fronte di 6.113 dipendenti Mediaset spende in stipendi 567 milioni di euro mentre la RAI ha 10.196 dipendenti che (ci) costano 935 milioni di euro. “Si osserva, inoltre, che i ricavi delle due aziende sono: Rai 2.973,9 milioni di euro...

Read more »

8 Comments

Crony capitalism – Recensione di Manifesto capitalista di Luigi Zingales

gennaio 30, 2013
By

Crony capitalism è un’espressione che dal 2007 anche i più distratti avranno sentito evocare da più parti nel descrivere le cause della profonda crisi economica che il mondo sta continuando ad affrontare da allora. E’ il capitalismo, allora, la causa di questo sfascio economico? E’ il “sistema capitalista” a essere responsabile di tutto ciò? Hanno ragione allora i contestatori del libero mercato a invocare un profondo cambiamento sistemico? La risposta che va data a questa domanda è no. E...

Read more »

2 Comments

Ciò che lega Kim Dot Com, Aaron Swartz, Bradley Manning e Julian Assange

gennaio 29, 2013
By

Kim Dot Com Kim Schmitz cambiò il suo nome in Kim Dot Com quando dal suo appartamento in Hong Kong lanciò Megaupload, un sito di condivisione di file che al suo massimo poteva vantare decine di milioni di accessi al giorno. Diventato miliardario e ricercato dalla giustizia di mezzo mondo per copyright infringement si rifugiò in Nuova Zelanda dove grazie alla promessa di donare diverse decine di milioni in beneficenza per i terremotati di Christchurch gli venne concesso il...

Read more »

13 Comments

Dalla rabbia fiscale al rebbio totale

gennaio 23, 2013
By

(grazie a Diritto di voto) Ridi La Russa. Ridi che a te si beo! Ridi! 

Read more »

1 Comment

What should economists do?

gennaio 23, 2013
By

“I want to argue that the “order” of the market emerges only from the process of voluntary exchange among the participating individuals. The “order” is, itself, defined as the outcome of the process that generates it. The “it,” the allocation-distribution result, does not, and cannot, exist independently of the trading process. Absent this process, there is and can be no “order.”… Individuals do not act so as to maximize utilities described in independently-existing functions. They confront genuine choices, and...

Read more »

Iscriviti per ricevere i nuovi post via email


 

Iscriviti alla newsletter!

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 L'Autore, inoltre, dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all'Autore.